Domande relative al supporto tecnico

Creazione del 2019-10-12

Aggiornamento del 2020-06-08


Internet non funziona: come posso inviare i dati alla Pubblica Sicurezza? Come posso visualizzare i miei dati dalla dashboard interattiva nel browser, per poter fare revenue management?

Semplice: in entrambi i casi possiamo usare la connessione dati del cellulare anche per navigare da PC.

La maggior parte degli smartphone Android e tutti gli iPhone possono condividere la connessione cellulare con un altro dispositivo, tramite Wi-Fi, Bluetooth o USB. In linea di massima se lo smartphone ha il sistema operativo Android 9 o successivo e iOS 12 o successivo non dovremmo avere alcun problema a condividere la nostra connessione dati. L’unica cosa a cui fare veramente attenzione, invece, è il nostro piano telefonico: alcuni operatori non permettono di usare i dati su altri dispositivi e fanno pagare la connessione sfruttata tramite PC a caro prezzo. Informiamoci bene con l’operatore, quindi, o rischieremo di trovare brutte sorprese sul nostro conto telefonico.

Hotspot o thethering?
Per connettere un PC a Internet tramite la rete cellulare dello smartphone, possiamo utilizzare due soluzioni, simili ma diverse: l’hotspot mobile e il thethering.

Un hotspot mobile è un dispositivo che, tramite la rete Wi-Fi, “distribuisce” la connessione a cui è agganciato ad altri dispositivi. E’ lo stesso principio degli hotspot Wi-Fi pubblici, quelli posizionati nelle piazze, nei locali o nei parchi: colleghiamo via Wi-Fi il PC laptop all’hotspot e riceviamo da esso la connessione.
Il thethering, invece, è un collegamento diretto tra il laptop (o anche il desktop) e il cellulare. In questo caso è come se lo smartphone diventasse il modem esterno del PC. Il risultato, però, è lo stesso: possiamo navigare da PC usando la connessione dati cellulare.

Come attivare l’hotspot su smartphone Android
Per attivare l’hotspot su uno smartphone Android basta andare su Impostazioni > Rete e Internet > Hotspot e tethering > Hotspot Wi-Fi. Qui troveremo anche un campo “Password hotspot“: è il codice di sicurezza che dovremo digitare nel secondo dispositivo affinché si connetta con il cellulare. Dopo aver attivato l’hotspot sul cellulare dobbiamo andare sull laptop da connettere e aprire le connessioni Wi-Fi. Qui troveremo la rete Wi-Fi creata dall’hotspot (solitamente è il nome del modello dello smartphone) alla quale dovremo connetterci inserendo la password.

N.B. I nomi delle varie sezioni possono cambiare a seconda del modello di smartphone Android.

Come attivare il thethering su smartphone Android.
Possiamo attivare il thethering tra smartphone e PC collegandoli sia via Bluetooth sia tramite USB. Nel primo caso dovremo accoppiare i dispositivi, poi sullo smartphone dovremo andare su Impostazioni > Rete e Internet > Hotspot e tethering > Thethering Bluetooth. Se invece avremo connesso lo smartphone al PC tramite USB, nella stessa schermata delle impostazioni non troveremo Thethering Bluetooth ma Thethering USB. In entrambi i casi dovremo attivare il thethering per poter navigare da PC con la connessione dello smartphone Android.

N.B. Anche in questo caso i nomi delle varie sezioni possono cambiare a seconda del modello di smartphone Android.

Come attivare l’hotspot su iOS
Come accade sugli smartphone Android, anche su iOS è possibile condividere la connessione dell’iPhone o dell’iPad con il computer. Per prima cosa bisogna entrare nelle Impostazioni > Cellulare o Impostazioni > Hotspot personale. A questo punto basta attivare il toggle presente di fianco alla voce e consentire agli altri dispositivi di accedere. Se la funzionalità non è disponibile, bisogna contattare il proprio operatore telefonico.
La connessione all’hotspot dello smartphone può avvenire tramite Wi-Fi, Bluetooth o USB. Con iOS 13 la connessione resta attiva anche se lo schermo è bloccato. Per condividere la connessione dello smartphone con il PC tramite Bluetooth bisogna entrare nelle Impostazioni > Bluetooth e seguire le indicazioni sul computer per configurare la connessione.


Aggiornamento del ...


Ho bisogno di un piano di supporto se ho bisogno di ricevere assistenza per un problema tecnico del software prodotto dalla ISTES?

Si, devi disporre di un piano di supporto per ricevere supporto tecnico individulale. Oppure puoi non effettuare l'abbonamento ed il supporto ti viene dato in modalita' FIFO: quindi, dipendentemente, dalle richieste di supporto senza piano, che ci pervengono, nonche' dalla loro gravita' occorsa, compatibilmente con i tempi di lavoro interni all'azienda, il supporto FIFO viene rilasciato entro il giorno lavorativo successivo alla richiesta sopraggiunta via email, con gli orari di lavoro locali.


Posso avere supporto 24/7 (24 ore, 7 giorni la settimana)?

Si, ISTES fornisce il supporto 24/7 per qualsiasi problema di gravita' A in base al piano di supporto sottoscritto.
ISTES potrebbe fornire l'assistenza 24/7 per problemi di gravita' diversa in base all'offerta di supporto.
Per problemi non qualificati per il supporto 24/7, ISTES fornisce assistenza solo durante gli orari di lavoro locali, con modalita' FIFO.


Quali ore vengono considerate orario di lavoro locale per il supporto?

Per l'Italia, l'orario di lavoro e' dalle ore 9 alle 17, nei giorni feriali, fine settimana e festivi esclusi.


Perche' l'invio di una richiesta online e' il metodo di contatto preferito per il supporto ISTES?

L'invio delle richieste di supporto online, consentono a ISTES di offrire competenza tecnica piu' rapida e approfondita, nel modo piu' efficiente possibile. A causa della natura dettagliata della richiesta, e' molto piu' semplice temporizzare le risposte in accordo con i Piani di Supporto contratti.


Esiste un numero di telefono che posso chiamare per contattare il supporto ISTES?

Contattare il supporto tecnico della ISTES al telefono non accellerera' l'elaborazione della richiesta. Se non puoi inviare una richiesta via email il numero per il supporto e' +39 388 2478 715.


Chi può inviare una richiesta di supporto?

Dal Titolare dei Dati dell'azienda richiedente, ovvero da tutti gli utenti delegati a richiedere. Per la nostra azienda, nel momento che riceviamo una richiesta di supporto da persona diversa dal Titolare dei dati, riteniamo la persona in oggetto abbia la relativa autorizzazione per effettuare quest'azione, poichè, altrimenti, l'organizzazione del Cliente (Amministratore dei dati) ha una criticita' non valutata nel suo sistema ma non deprecabile per l'iterazione tra azienda cliente vs azienda supportante.